Cuddura pasquale, una regina in tavola

Pubblicato il 17 Marzo 2013

Cuddura pasquale, una regina in tavola
Cuddura pasquale, una regina in tavolaCuddura pasquale, una regina in tavola
Cuddura pasquale, una regina in tavolaCuddura pasquale, una regina in tavolaCuddura pasquale, una regina in tavola

In Calabria la “Cuddura” è sicuramente la regina incontrastata della tavola di Pasqua. Una sorta di pane intrecciato che qui si propone sia nella versione dolce che salata.
Preparata con ingredienti semplici della tradizione contadina, alla “Cuddura” si possono dare forme diverse, ma in tutte non può mancare l’uovo intero posto nel centro, caratteristica principale di questo "pane".

Leggi tutto

"Cuddura" di Pasqua - (versione dolce)

Ingredienti:

  • Farina 600 gr
  • Uova 10
  • Lievito di birra 25 gr
  • Zucchero 200 gr
  • Strutto 100 gr
  • Anice 1 bicchiere
  • Limone 1

Procedimento

Sciogliere il lievito di birra con acqua calda e mescolarlo a un pugnetto di farina. Preparare un piccolo panetto e farlo lievitare al caldo. Preparare la farina su una spianatoia (a vulcano) e quando il panetto sarà pronto, inserirlo al centro insieme a quattro uova, anice, buccia grattugiata del limone, zucchero, sugna (intiepidita) e un pizzico di sale. Lavorare l’impasto energicamente fino a renderlo sodo e morbido. Cospargere la spianatoia di farina e modellare le figure desiderate.
Si può fare un’unica “Cuddura”: dividere l’impasto in due panetti; lavorare i panetti in modo da allungarli (filoni) in parti uguali e poi intrecciarli fra loro, avendo cura di porre al centro dell’impasto, alla stessa distanza, le uova intere.
Oppure si possono fare più “cuddureddi”. Dividere l'impasto in più pezzi e formare tanti cordoni. Ripiegare in due, sistemare al centro un uovo e intrecciare.
Sistemare la “cuddura” (o i “cuddureddi”) sulla placca del forno infarinata e far lievitare per circa due ore. Preriscaldare il forno e infornare a 180 gradi. Lasciar cuocere per circa trenta-quaranta minuti, fino a quando non saranno dorati in superficie. Per dare un bel colore dorato è opportuno spennellare la superficie della pasta con il rosso d’uovo.
La “cuddura” si può anche glassare. In questo caso va infornata senza essere spennellata con l’uovo.
Glassa: montare a neve un bianco d'uovo, aggiungete 10 cucchiai circa di zucchero (un cucchiaio alla volta) e un paio di cucchiai di limone. Continuare a sbattere, fino a ottenere la glassa. Spalmare sulla “Cuddura” e decorare con diavoletti colorati per dolci e palline di zucchero argentate.

"Cuddura" di Pasqua (versione salata)

Ingredienti

  • Farina 600 gr
  • Lievito di birra 25 gr
  • Strutto 150 gr
  • Anice 1 cucchiaino
  • Acqua 250 gr
  • Un cucchiaino e mezzo di sale
  • Finocchietto selvatico (semini)
  • Uova 6 (solo decorazione)

Procedimento
Si prepara, sostanzialmente, come la versione dolce.